2a Giornata – Proiezione La Moglie De Sarto


Tra gli attori: Maria Grazia Cucinotta e Marta Gastini

“La moglie del sarto”: film e incontro con regista e cast

La data è fissata per mercoledì 19 novembre, alle ore 21.00, al Teatro Principe di Palestrina. Il Festival dei “400 Corti” offre al pubblico l’attesa proiezione dell’ultimo film interpretato da Maria Grazia Cucinotta, La moglie del sarto, diretto da Massimo Scaglione. La pellicola racconta una storia d’amore e di emancipazione negli anni ’60 del nostro sud. Nel cast anche Marta Gastini, Alessio Vassallo, Ernesto Mahieux, Tony Sperandeo, mentre la direzione della fotografia è affidata al maestro Nino Celeste.
Prodotto per la Jc Ontheroad Pictures dallo stesso Scaglione, il film è stato girato nella zona dell’alto Tirreno cosentino, tra Fiumefreddo Bruzio, Scalea e Praia a Mare. E’ stato presentato con successo in Canada nella 36a edizione del Festival du Films du Monde di Montreal (Menzione speciale nella sezione World Greats), al Toronto Italian Film Festival e in Brasile alla 1a Mostra Internacional de Cinema di Fortaleza (Miglior Soggetto Originale e Migliori Costumi).
La moglie del sarto” è un bellissimo film con incantevoli scenari, ambientato in quell’Italia meridionale degli anni Sessanta con le sue anomalie e con quelle determinate tipicità meridionali. I temi sono quelli di un tempo ma presenti ancora oggi: la mai risolta lotta fra il bene ed il male, la sopraffazione del potere, la gestione del bisogno, la paura di reagire contro la tirannide, la bramosia dei potenti di decidere della vita e della morte degli altri sono ancora oggi i temi dominanti delle società del Sud. E Scaglione, vivace intelligenza calabrese, ha diretto il film scrivendone anche la sceneggiatura con l’abilità che lo contraddistingue.
Magistrale l’interpretazione della grande attrice Maria Grazia Cucinotta nelle vesti di Rosetta Pignataro, la bellissima quarantaquattrenne che rimane vedova e sola con la figlia Sofia. Ma con la caparbietà e la fierezza tipica delle donne del Sud Rosetta Pignataro riapre l’atelier del marito. Tale scelta non viene condivisa dall’assessore Cordaro che nasconde il fine di trasformare il borgo medioevale di immensa bellezza in un polo turistico di massa dal quale lucrare rilevanti interessi economici. “Ho ricondotto e dipinto tutto nel microcosmo della mia terra – ha affermato con orgoglio Scaglione – dove meglio si adattavano l’anima e il cuore del film: scenari e scenografie che la natura si diverte a creare, proprio là dove l’uomo, anziché godere e preservare, distrugge”.
Dopo la proiezione del film, incontro con gli attori pronti a rispondere alle domande del pubblico.

Mercoledì 19 novembre, ore 21.00, Cinema Teatro “Principe”. Ingresso gratuito.

manifesto